fbpx
Aggiornamenti Legale

Trasporto passeggeri: Esenzioni e chiarimenti dall’Ispettorato del Lavoro

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro stabilisce, attraverso una nota, chiarimenti per i veicoli adibiti al trasporto persone.

trasporto passeggeri

La Direzione centrale per il coordinamento giuridico dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha fornito importanti chiarimenti. Oggetto: disciplina applicabile ai limiti di guida e riposo di un conducente che alterna servizi pubblici di linea superiori e inferiori a 50 km.

La materia dei limiti di guida e riposo trova la sua disciplina nel Regolamento CE 561/2006. Questa si applica, nel trasporto passeggeri, a tutti i conducenti di veicoli aventi 9 posti compreso il conducente.

Lo stesso regolamento prevede però dei casi di espressa esenzione: l’art 3 lett “A” fa espresso riferimento ai veicoli in servizio regolare di linea per il trasporto passeggeri , il cui percorso non superi i 50 km. In questi casi troverà applicazione la disciplina nazionale contenuta nella Legge n. 138/1958.

La nota introduce un chiarimento per quei casi in cui, un conducente normalmente adibito a servizi regolari di linea inferiori a 50 km si trovi ad effettuare un servizio rientrante nel campo di applicazione del Reg. CE 561/2006. Fino ad ora questa fattispecie era attribuita al “criterio di prevalenza” di cui all’interpello del 20 marzo 2009. Questi era inerente però all’individuazione della disciplina dell’orario di lavoro per i dipendenti di imprese di autotrasporto che effettuino anche attività differenti dalla guida.

Con la nuova nota viene fatta chiarezza. Ora è stabilito che, qualora il conducente svolga un’attività rientrante nel Reg CE 561/2006, dovrà trovare piena applicazione la disciplina dei tempi di riposo giornalieri e settimanali previsti dal Regolamento.