Guida sicura e conforme: tutto sul tachigrafo digitale
Home 9 Generico 9 Guida sicura e conforme: tutto sul tachigrafo digitale

Il tachigrafo digitale è un dispositivo elettronico installato sui veicoli commerciali, che registra automaticamente qualsiasi attività, sia del veicolo che del conducente. Lo scopo di questa funzione è quello di monitorare e controllare che le attività siano svolte secondo le norme vigenti. Di seguito i principali obblighi derivanti da diversi regolamenti ufficiali:

  • Obbligo di utilizzo del tachigrafo → Vale per tutti i veicoli di trasporto merci con capacità (massa) massima MAGGIORE di 3,5T e tutti i veicoli destinati al trasporto di persone con più di 9 posti COMPRESO il conducente (Regolamento 561 del 2006).
  • Obbligo di scarico dati → Per tutti i veicoli dotati di tachigrafo digitale vi è l’obbligo di trasferire (scaricare) i dati della carta conducente e della memoria di massa su un dispositivo che ne permetta la lettura, conservandoli in archivio per MINMO 1 anno (Reg. 561/2006). La frequenza di scarico è di ALMENO ogni 28 giorni per i dati della carta conducente, e ALMENO ogni 90 giorni per i dati del veicolo (Reg. 581/2010).
  • Obbligo di formazione → Le aziende DEVONO formare i conducenti (Reg. 165/2014) tramite un corso di almeno 8 ore svolto da docenti autorizzati e certificato al termine del corso stesso (queste specifiche modalità di formazione sono specificate nel Decreto Dirigenziale 215/2016). La validità del certificato è di 5 anni.
  • Obbligo di controllo e notifica delle infrazioni → Oltre ai corsi, per verificare il corretto uso del tachigrafo le aziende DEVONO notificare regolarmente i conducenti delle infrazioni commesse (ALMENO ogni 90 giorni), conservando i dati per ALMENO 1 anno (Reg. 165/2014 e D.D. 215/2016). Gli autisti devono controfirmare la notifica.
  • Obbligo di istruzione Le aziende provvedono inoltre a fornire ai conducenti (ANNUALMENTE) documentazione informativa aggiornata riguardo al corretto utilizzo del tachigrafo (Articolo 33 del Reg. 165/2014 e Articolo 10 del Reg. 561/2006).
  • Obbligo di calibrazione del tachigrafo → Le imprese (NON le concessionarie) DEVONO tarare il dispositivo presso un centro tecnico autorizzato (officina) ENTRO 15 giorni dalla data di immatricolazione (Reg. 3821/85).
  • Obbligo di verifica della calibrazione → Le aziende sono tenute a verificare ed eventualmente ricalibrare i tachigrafi OGNI 2 anni (Articolo 23 del Reg.165/2014).
  • Obbligo di disporre a bordo della carta stampante → Al fine di permettere un eventuale controllo, il conducente è tenuto a disporre di una quantità sufficiente di carta stampante (Articolo 33 del Reg. 165/2014).

Quali sono i tipi di tachigrafo digitale?

I modelli di tachigrafo dal 2006 ad oggi vengono raggruppati in 2 generazioni, una delle quali a sua volta suddivisa in 2 (quindi per semplicità si possono anche definire come 3 generazioni separate). Tali suddivisioni sono dovute a caratteristiche tecniche e funzionalità che separano nettamente tra loro alcuni modelli da altri.

Gen. 1 – Tachigrafi digitali

  • Comprende tutti i modelli digitali prodotti dal 2006 fino alla fine del 2018.
  • Tachigrafi VDO dal modello 1.0 al modello 3.0a → “Gen. 1”.
  • Tachigrafi Stoneridge dal modello 5.0 al modello 7.6 → “Gen. 1”.

Gen. 2 – Tachigrafi digitali intelligenti

  • Modelli prodotti in via mandatoria a partire da giugno 2019 con caratteristiche e funzionalità avanzate (principalmente l’antenna GNSS e il DSCR).
  • Tachigrafi VDO modelli 4.0 – 4.0e – 4.0f → “Gen. 2”.
  • Tachigrafo Stoneridge modello 8.0 → “Gen. 2”.

Gen. 2 V2 – Tachigrafi intelligenti di seconda generazione

  • Modelli di nuova produzione dal 2023 con funzionalità nuove rispetto alla “Gen. 2” (principalmente il cambio nazione automatico e la funzione “carico/scarico”).
  • Tachigrafo VDO modello 4.1 → “Gen. 2 V2”.
  • Tachigrafo Stoneridge modello 8.1 → “Gen. 2 V2”.

Conclusione

Il tachigrafo digitale rappresenta uno strumento fondamentale per garantire la sicurezza stradale, il rispetto delle normative e la tutela dei diritti dei conducenti. La sua implementazione ha contribuito a migliorare significativamente il panorama dei trasporti, rendendolo più sicuro e conforme alle normative vigenti.

Articoli correlati

CATEGORIE

ARTICOLI RECENTI

NUOVO TACHIGRAFO: prorogato nuovamente il termine

NUOVO TACHIGRAFO: prorogato nuovamente il termine

In data 06 ottobre 2023, il Ministero dell’Interno, ha prorogato temporalmente al 31 dicembre 2023 il regime di tolleranza per l'installazione dei tachigrafi intelligenti di seconda generazione sui veicoli di...