Scopri il processo di scarico dati del tachigrafo digitale
Home 9 Generico 9 Scopri il processo di scarico dati del tachigrafo digitale

Nel mondo del trasporto su strada, la gestione dei dati è fondamentale per garantire la sicurezza e il rispetto delle normative. Tra i dati più importanti troviamo quelli registrati dal tachigrafo digitale, che devono essere scaricati periodicamente per essere analizzati e conservati.

Come scaricare i dati del tachigrafo digitale

Esistono diverse modalità per scaricare i dati del tachigrafo digitale:

Scarico manuale

Chiavetta → Permette di scaricare sia i dati della memoria di massa del tachigrafo che i dati della carta conducente: nel primo caso si collega la chiavetta direttamente alla porta frontale del tachigrafo (porta a 6 pin), mentre per la carta conducente c’è un apposito lettore integrato nella chiavetta stessa – i dati vengono salvati sul dispositivo e sono successivamente trasferibili manualmente su computer (tramite file con estensione .DDD) utilizzando la porta USB.

Terminale fisso → Utilizzato per lo scarico dei dati delle carte conducente da parte degli stessi autisti in modo autonomo, anche fuori dagli orari d’ufficio e in sedi non presidiate: il conducente deve solo inserire la carta nell’apposito lettore del terminale e aspettare che avvenga lo scarico dei dati, che in questo caso vengono trasferiti direttamente presso il software di archiviazione dei dati tachigrafici collegato con il terminale stesso. Inoltre, il terminale è provvisto di una porta USB a cui si può collegare la chiavetta, permettendo quindi di scaricare anche i dati di memoria di massa del tachigrafo (o quelli della carta conducente) dopo averli scaricati manualmente.

Scarico da remoto

Centraline → Sono dispositivi montati e collegati direttamente con il tachigrafo allo scopo di scaricare i dati sia della carta conducente che della memoria tachigrafica in automatico a scadenze fisse (esempio 1 volta a settimana, in base al modello di centralina) tramite reti GPRS. La centralina spesso permette il tracciamento della posizione del veicolo. 

Frequenza di scarico dati

Per tutti i veicoli dotati di tachigrafo digitale vi è l’obbligo di trasferire (scaricare) i dati della carta conducente e della memoria di massa su un dispositivo che ne permetta la lettura, conservandoli in archivio per MINIMO 1 anno. La frequenza di scarico è di ALMENO ogni 28 giorni per i dati della carta conducente, e ALMENO ogni 90 giorni per i dati del veicolo.

Conclusione

Lo scarico dati del tachigrafo digitale è un’operazione fondamentale per il corretto funzionamento del sistema di controllo delle attività di guida e riposo degli autisti. Rispettare le normative relative alla frequenza di scarico e conservazione dei dati è essenziale per garantire la sicurezza stradale e il rispetto delle leggi vigenti.

Articoli correlati

CATEGORIE

ARTICOLI RECENTI

NUOVO TACHIGRAFO: prorogato nuovamente il termine

NUOVO TACHIGRAFO: prorogato nuovamente il termine

In data 06 ottobre 2023, il Ministero dell’Interno, ha prorogato temporalmente al 31 dicembre 2023 il regime di tolleranza per l'installazione dei tachigrafi intelligenti di seconda generazione sui veicoli di...