Carta tachigrafica: cos’è, come richiederla e perché è importante
Home 9 Generico 9 Carta tachigrafica: cos’è, come richiederla e perché è importante

La carta tachigrafica è un documento che ogni conducente di veicoli pesanti deve possedere e utilizzare per registrare i dati relativi al tempo di guida e di riposo. Si tratta di una smart card obbligatoria che si inserisce nel tachigrafo, un dispositivo elettronico che monitora le attività di guida e le trasmette alle autorità competenti.

In questo articolo ti spieghiamo nel dettaglio cos’è la carta tachigrafica, come funziona, come richiederla, quali sono le sanzioni per il mancato utilizzo e quali sono gli obblighi per i conducenti. Continua a leggere per scoprire tutto quello che devi sapere su questo strumento indispensabile per la tua sicurezza e per il rispetto delle norme sulla circolazione stradale.

Cos’è la carta tachigrafica

La carta tachigrafica è una tessera personale e intrasferibile che contiene un microchip con i dati anagrafici e professionali del conducente di un veicolo pesante.

La tessera tachigrafica serve a identificare il conducente e a registrare i dati relativi al tempo di guida, alle pause, ai riposi giornalieri e settimanali, alla velocità e alla distanza percorsa dal veicolo.

Questi dati sono memorizzati sia nella carta tachigrafica sia nel tachigrafo, un apparecchio elettronico installato sul veicolo che registra e stampa le informazioni.

La carta tachigrafica ha una validità di 5 anni e deve essere rinnovata prima della scadenza.

Come funziona la carta tachigrafica

La carta tachigrafica deve essere inserita nel tachigrafo prima di iniziare il servizio e deve essere rimossa al termine dello stesso.

Il cronotachigrafo registra i dati della carta e del veicolo e li conserva per 28 almeno giorni.

Il conducente deve scaricare i dati della scheda almeno ogni 28 giorni e conservarli per almeno un anno.

I dati della scheda tachigrafica possono essere controllati dalle autorità competenti in caso di ispezioni o verifiche sulla sicurezza stradale e sul rispetto delle norme sul tempo di guida e di riposo.

Come richiedere la carta tachigrafica

Per richiedere la carta tachigrafica, il conducente deve presentare una domanda alla Motorizzazione Civile della provincia di residenza o di domicilio. La domanda deve essere accompagnata da una fotografia, una fotocopia del documento di identità, una fotocopia della patente di guida e il pagamento di una tassa di 40 euro.

La carta tachigrafica viene rilasciata entro 30 giorni dalla domanda e può essere spedita al domicilio del conducente.

In caso di smarrimento, furto, deterioramento o malfunzionamento della carta, il conducente deve richiedere una nuova prima di poter riprendere a guidare.

Sanzioni per il mancato utilizzo della carta tachigrafica

L’utilizzo della scheda tachigrafica è obbligatorio per i conducenti di veicoli pesanti che svolgono servizi di trasporto di merci o di persone, sia nazionali che internazionali.

Il mancato utilizzo, o l’utilizzo di una carta scaduta, non valida, non personale o contraffatta, comporta una sanzione amministrativa da un minimo di 866 Euro. Inoltre, il conducente può essere sottoposto a una sospensione della patente di guida da 15 giorni a 3 mesi.

Obblighi per i conducenti

Oltre a utilizzare la scheda tachigrafica, i conducenti di veicoli pesanti devono rispettare alcuni obblighi previsti dalla normativa europea e nazionale sul tempo di guida e di riposo. In particolare, i conducenti devono osservare i seguenti limiti:

  • tempo di guida giornaliero: non superiore a 9 ore, con una deroga a 10 ore due volte alla settimana;
  • tempo di guida settimanale: non superiore a 56 ore;
  • tempo di guida bisettimanale: non superiore a 90 ore;
  • pausa: almeno 45 minuti ogni al massimo 4 ore e mezza di guida, suddivisibili in 15 minuti e 30 minuti;
  • riposo giornaliero: almeno 11 ore consecutive su 24 ore, riducibili a 9 ore tre volte alla settimana;
  • riposo settimanale: almeno 45 ore consecutive ogni 6 periodi da 24 ore, riducibili a 24 ore una volta ogni due settimane, con recupero entro la terza settimana.

Carta tachigrafica conducente: conclusione

La carta tachigrafica è uno strumento indispensabile per i conducenti di veicoli pesanti, in quanto garantisce la sicurezza stradale e il rispetto delle norme sul tempo di guida e di riposo. Per ottenere la carta tachigrafica, il conducente deve presentare una domanda alla Motorizzazione Civile.

La tessera tachigrafica ha una validità di 5 anni e deve essere rinnovata prima della scadenza. Il mancato utilizzo della carta tachigrafica, o l’utilizzo di una carta non conforme, comporta sanzioni amministrative e la sospensione della patente di guida.

Il conducente deve inoltre scaricare e conservare i dati della carta tachigrafica e rispettare i limiti sul tempo di guida e di riposo.

Articoli correlati

Truck & Bus: nuovi controlli da Ottobre 2021

Truck & Bus: nuovi controlli da Ottobre 2021

Più controlli sulle strade, riparte l’operazione “Truck & Bus” che vede l'intensificarsi dei controlli su strada su tutto il territorio europeo. NOTIZIA ORIGINARIA L'operazione "Truck & Bus" consiste in un’iniziativa della Roadpol (Rete di cooperazione tra le...

leggi tutto

CATEGORIE

ARTICOLI RECENTI

NUOVO TACHIGRAFO: prorogato nuovamente il termine

NUOVO TACHIGRAFO: prorogato nuovamente il termine

In data 06 ottobre 2023, il Ministero dell’Interno, ha prorogato temporalmente al 31 dicembre 2023 il regime di tolleranza per l'installazione dei tachigrafi intelligenti di seconda generazione sui veicoli di...